Le indagini dei carabinieri. In dieci già identificati, ma altri sono a rischio. La verità dentro ai video

1 mese fa 30
DBR - Data Breach Registry Web tool

Dieci identificati, dieci potenzialmente a rischio d’indagine. Ognuno con la sua specificità. La montagna di video a disposizione dei carabinieri del comando provinciale di Ancona, stavolta non ha partorito un topolino. Anzi, probabilmente l’esito sarà di quelli destinati a far rumore. Ma bisogna prima capire come hanno agito gli attori della furibonda rissa di oltre una settimana fa in pieno centro, tra via Benincasa e corso Mazzini. Chi ha iniziato, cosa hanno fatto singolarmente, perchè è scattata la scintilla. Insomma: tutti, dai minorenni agli adulti, rischiano di essere indagati. La fase di identificazione è terminata. Nessuna denuncia ai carabinieri. La prossima settimana i primi provvedimenti. Il capo d’imputazione ipotizzato dalle due Procure (quella ordinaria per gli adulti e quella dei minori per gli under 18) è rissa aggravata. Da cosa? Futili motivi. Non ci sono questioni di droga o altro dietro la scazzottata che ha allarmato gli anconetani. C’è una rissa, spiacevole e brutta a vedersi. Anche perchè scoppiata all’ora in cui il centro era pieno di gente che passeggiava in serenità. Chi passava dalle parti di corso Mazzini quel venerdì pomeriggio si è trovat...

Leggi tutto questo Articolo

Le indagini dei carabinieri. In dieci già identificati, ma altri sono a rischio. La verità dentro ai video