Mezzogiorno col botto. Evacuate mille persone per rimuovere la bomba

3 settimane fa 41
DBR - Data Breach Registry Web tool

L’ultimo atto del ‘bomba day’ a San Marino si è consumato attorno alle 12.15, quando i genieri dell’Esercito, provenienti dal reggimento ferrovieri di Castel Maggiore, hanno fatto brillare l’ordigno bellico rinvenuto a Serravalle durante i lavori nell’impianto sportivo. Si trattava di una bomba d’aereo di circa 104 chili risalente alla Seconda guerra mondiale. Un migliaio le persone evacuate che a partire dalle 7 di ieri hanno lasciato le loro case. metri. Tutte le operazioni si sono svolte in sicurezza e in tempi brevi: tre ore dall’inizio delle operazioni di despolettamento fino al brillamento finale. Per la prima volta, gli specialisti dell’Esercito sono intervenuti nel territorio della Repubblica. A servizio delle persone evacuate è stato allestito un centro di accoglienza nei locali del Multieventi Sport Domus, messi a disposizione dal Comitato Olimpico. La Segreteria di Stato per gli Affari Esteri ha rivolto a tutte le persone coinvolte nelle operazioni "un enorme ringraziamento per l’impegno, la professionalità e l’organizzazione dimostrata". Questo ha "permesso all’Esercito italiano di portare a termine positivamente le operazioni di bonifica dell’ordigno integrato nel d...

Leggi tutto questo Articolo

Mezzogiorno col botto. Evacuate mille persone per rimuovere la bomba