Bologna.press

Tutte le notizie su Bologna e dintorni

Cerca e leggi le ultime Notizie sulla città di Bologna ed Emilia Romagna.

News dai principali organi di informazione in costante aggiornamento; segui il nostro Feed!

Modena: carabinieri di controllo all’ospedale rintracciano autovettura provento di rapina. Un fermo e una denuncia

I carabinieri della Sezione Operativa della Compagnia di Modena, sabato pomeriggio verso le 17.00, hanno eseguito un fermo di indiziato di delitto nei confronti di un 29enne nordafricano, senza fissa dimora, accusato di aver concorso nella rapina avvenuta all’esterno di un esercizio commerciale di Modena, in danno di una signora 54enne che aveva appena terminato di fare la spesa. La rapina sarebbe avvenuta nella serata di venerdì 19 marzo 2021, quando la donna, dopo aver riposto la spesa, appena salita in macchina, si è vista affiancare da tre uomini i quali prima gli hanno intimato di non urlare e poi, strattonandola, l’hanno spinta fuori dalla sua fiat Panda, per poi fuggire con l’autovettura.


Nella serata del 20 marzo 2021, i Carabinieri della Sezione Operativa della Compagnia di Modena Principale, mentre svolgevano un servizio di controllo nella zona di Baggiovara, transitando nei pressi del pronto soccorso notavano l’auto oggetto della rapina avvenuta la sera precedente. Immediatamente si adoperavano per fermarla e per bloccare i due occupanti, uno dei quali veniva riconosciuto subito come uno dei soggetti che la sera prima avevano rubato il veicolo alla 50enne spingendola con la forza fuori dall’autovettura.


I Carabinieri, coordinati dalla Procura della repubblica di Modena, hanno quindi raccolto sufficienti elementi di responsabilità a carico dello straniero e valutati i gravi indizi ed il fondato pericolo di fuga, hanno operato il fermo di indiziato di delitto. L’altro soggetto presente sulla vettura rubata, un 56enne straniero, veniva invece deferito in stato di libertà alla procura della Repubblica per il reato di ricettazione. Nei giorni successivi, il fermo dell’uomo è stato convalidato dal GIP del Tribunale di Modena, disponendo l’applicazione della custodia cautelare in carcere.


Bologna.press condivide questi Contenuti utilizzando una Licenza