Bologna.press

Tutte le notizie su Bologna e dintorni

Cerca e leggi le ultime Notizie sulla città di Bologna ed Emilia Romagna.

News dai principali organi di informazione in costante aggiornamento; segui il nostro Feed!

Reggio Emilia capitale della sicurezza negli stadi

Si è tenuto, nella mattinata odierna nella pancia del Mapei Stadium, il convegno “calcio e ordine pubblico. L’evoluzione della disciplina sulla sicurezza negli stadi” alla presenza di autorità in materia a livello nazionale ed europeo.


A fare gli onori di casa Andrea Fabris del Sassuolo Calcio, che insieme alla questura di Reggio Emilia e alla Figc è stato tra gli organizzatori di questa importante manifestazione. Nelle prime file, seduti ad ascoltare, c’erano tra gli altri il sindaco Luca Vecchi, il presidente della Provincia Giorgio Zanni, quello della Regione Stefano Bonaccini, il questore reggiano Antonio Sbordone, il prefetto Maria Grazia Forte, il capo della polizia Franco Gabrielli e il sottosegretario con delega allo sport, Giancarlo Giorgetti.


“Per la nostra città – ha detto Vecchi – è un prestigio e un onore ospitare un convegno di respiro nazionale su un tema così delicato. Per questo, desidero ringraziare il lavoro della questura e del Sassuolo. Non posso non ricordare come, qualche anno fa, a Reggio Emilia siano venuti i tifosi della Stella Rossa e mi viene da osservare che dove c’è collaborazione orizzontale si crea una prevenzione e una gestione del rischio sicuramente più efficace. Quanto al Città del Tricolore, è un impianto pensato negli anni Novanta che ha goduto di ulteriori investimenti una volta divenuto di proprietà Mapei. Poi c’è la questione più importante, quella dei tifo e dei comportamenti all’interno dei nostri stadi: siamo decisi a tramandare ai giovani la cultura del tifo sano, senza far diventare gli stadi una discarica”.


Per il prefetto Forte, “il Sassuolo è un valore aggiunto per questa città. E’ una società che rappresenta la vera collaborazione e la giusta strategia tra pubblico e privato. La Mapei, in questi anni, ha fatto investimenti non solo strutturali, ma che vanno a insistere sulla sana cultura dello sport. Ringraziamo la società per quello che fa per questo territorio, soprattutto considerando che non è di sua appartenenza”.


Il governatore Bonaccini, dopo aver chiesto un applauso per l’arresto di Cesare Battisti, definito “uno dei peggiori terroristi di questi anni”, ha affermato che “il Sassuolo è una delle società che non mi vergogno di definire ‘modello’, che sta dimostrando una particolare sensibilità ad argomenti che dovrebbero stare a cuore a chiunque fa attività calcistica a questi livelli”.


L’intervento del questore Sbordone, invece, si è focalizzato soprattutto sugli aspetti tecnici per rendere gli stadi più funzionali in materia di contrasto alla violenza e di tifo sano. “Dal mio punto di vista – le sue parole – ci sono tre cose da fare: ridisegnare il ruolo e le competenze degli stewart; fornire alle società sportive le informazioni sui ‘daspati’, che al giorno d’oggi le società non possiedono, e coinvolgere maggiormente i calciatori nel convogliare messaggi anti violenza. Mi interrogo, ad esempio, sull’efficacia che potrebbe avere un messaggio di condanna da parte di calciatori ai propri tifosi per fenomeni di razzismo e prevaricazione. So che questo potrebbe causare altre problematiche, ma servirebbe certamente di più rispetto agli stessi messaggi letti o diffusi dalle società e dalle istituzioni”.


All’interno dell’evento si è poi tenuta anche una tavola rotonda a cui parteciperanno i rappresentanti delle società sportive di Serie A: Giovanni Pifarotti per l’Internazionale, Francesco Davalli per la Fiorentina, e lo stesso Andrea Fabris per il Sassuolo, che si sono confrontati sui temi della sicurezza e importanza delle infrastrutture sportive e come essa possa influenzare anche l’organizzazione dei servizi di ordine pubblico. A indossare i panni del moderatore è stato il direttore di Sky Sport 24, Matteo Marani.


L'articolo Reggio Emilia capitale della sicurezza negli stadi proviene da TRC.