Bologna.press

Tutte le notizie su Bologna e dintorni

Cerca e leggi le ultime Notizie sulla città di Bologna ed Emilia Romagna.

News dai principali organi di informazione in costante aggiornamento; segui il nostro Feed!

Rinvenuto cranio umano del IV millennio A.C.

Da un cuniculo stretto ad uno stupore infinito. Il gruppo speleologico bolognese ha recuperato un cranio umano, datato tra il 3.300 e il 3.600 a.C. e probabilmente di sesso femminile, in un camino carsico con strapiombo di 11 metri d’altezza. Il cranio costituisce uno dei più antichi resti antropici dell’area bolognese e si inserisce nel complesso quadro paleodemografico al cui centro si pone il sito preistorico della Grotta del Farneto ed il vicino sepolcreto eneolitico del Sottoroccia. “Il cranio si trovava in una posizione precaria incastrato tra alcune sassi, ha spiegato l’archeologa e speleologa Lucia Castagna, che ha proseguito “in una prima uscita si è provveduto a consolidarlo con alcune garze, la seconda gli esperti lo hanno estratto e poi recuperato


“Vedere le immagini del recupero di questo importantissimo reperto, ha dichiarato il sindaco Isabella Conti, è la più grande testimonianza della passione e della tradizione che da Fantini a Orsoni ha segnato la nostra terra. Siamo onorati di aver potuto prendere parte a questo momento importantissimo, per il quale ringraziamo il Gruppo Speleologico Bolognese, la Soprintendenza, l’Ente Parco dei Gessi e tutte le realtà e le persone che hanno reso possibile questa scoperta”. “Questo ritrovamento testimonia l’enorme ricchezza del nostro parco, anche nel sottosuolo. Si tratta di un luogo unico che ogni giorno cerchiamo di comunicare e far scoprire a tutto il mondo, a partire dalla stessa comunità locale e dai più giovani, in particolare le scuole, che visitano assiduamente il parco e le sue grotte”. ha spiegato il presidente dell’Ente Parchi Sandro Ceccoli


L'articolo Rinvenuto cranio umano del IV millennio A.C. proviene da TRC.