Risparmio energetico, Castel Maggiore pensa a linee di azione per contenere i consumi

5 giorni fa 17
DBR - Data Breach Registry Web tool

A Castel Maggiore quest’anno non ci saranno le luminarie natalizie nelle strade del centro, per un segnale di carattere ambientale ma anche di sobrietà rispetto alla difficile congiuntura internazionale.

È agli occhi di tutti che il costo dell’energia ha subito un aumento esponenziale nell’ultimo anno e mezzo, aggravato dallo scoppio del conflitto tra Russia e Ucraina, causando gravi problemi economici ed energetici. Così il vicesindaco di Castel Maggiore, comune nel Bolognese, Luca De Paoli, con deleghe specifiche all’ambiente e alle politiche energetiche, ha presentato alla giunta comunale le “Linee di azione per contenere i consumi energetici e contrastare i cambiamenti climatici 2022 – 2023”.  Tali linee di azione quantificano i risparmi che potranno derivare per le casse comunali dalla riduzione del periodo di accensione degli impianti termici di 15 giorni all’anno e di 1 ora al giorno, con un risparmio del 5 – 10% per riscaldamento. L’adozione di una giornata di smart working per i dipendenti comunali (eccetto URP, Polizia locale e servizi essenziali) comporta, invece, un risparmio energetico atteso del 3 – 5% per il riscaldame...

Leggi tutto questo Articolo

Risparmio energetico, Castel Maggiore pensa a linee di azione per contenere i consumi